Dignità umana

L’essere umano rappresenta una realtà cosmica, un fenomeno di valore universale con struttura fisica e caratteristiche psicologiche. L’auto-riconoscimento di detto valore e il nostro riconoscimento dello stesso negli altri è ciò che chiamiamo dignità umana.

In latino, la parola dignitas significava: apprezzamento o valutazione . Pertanto, dire che qualcuno e o qualcosa era “dignitoso” equivaleva a dire che era prezioso, meritorio, degno e possessore di una distinzione.

Parlando di dignità umana, considereremo che una persona ha un “valore umano” o che è preziosa come essere umano, il che, per alcuni di noi, può sembrare ridondante, poiché di solito identifichiamo come equivalenti i concetti di persona e essere umano; Tuttavia, uomini e donne di tutte le culture hanno teso a considerare che le persone hanno “dignità” quando possiedono un valore specifico aggiunto alla loro semplice qualità di esseri umani, trasferendo così a quella dignità circostanziale e aggettiva la sostanza del valore fondamentale da cui dipendono tutti altri valori attribuibili a qualsiasi persona.

Pertanto, l’apprezzamento dell ‘”indignazione” o del valore negativo specifico della condizione di schiavitù, nel corso di migliaia di anni, ha privato milioni di uomini e donne di essere valutati come tali, negando loro quella Dignitas umana che è stata riconosciuta esclusivamente in “libero uomini”. La persona o il “ruolo” di schiavo nella scena sociale (non dimentichiamo che “persona” significava “maschera teatrale” in latino) privato dell’individuo della dignità umana, rendendolo un “capo di bestiame” o una “cosa “, Soggetto alla volontà degli uomini che la società considerava” liberi e degni “. Allo stesso modo, la condizione delle donne nelle società patriarcali è stata privata della piena dignità umana, come nel caso di alieni privi di documenti, persone omosessuali, disabili, ecc., Relegando la loro valutazione individuale a un “terzo” o “ultimo livello” ”, e determinare rigide trincee sociali per lo sviluppo dell’identità personale. Evidentemente, si tratta sempre di una farsa giuridica che ha facilitato e facilita ancora lo sfruttamento degli uomini da parte degli uomini. E così rimase una farsa fino a quando la persona asservita cessò di considerarsi un essere umano, dal momento che nessuno poteva privarlo della propria coscienza, che, dopo tutto, è il Tempio Interno di ogni essere umano.

Tutto ciò può essere aperto a varie analisi, con diversi focus e diverse angolazioni, a seconda di come li affrontiamo studiando le motivazioni psicologiche che hanno determinato le strutture di tutti i gruppi umani, a partire dall’orda, dalla tribù, dal clan, dalla famiglia , ecc., o le caratteristiche dei sistemi economici e culturali che hanno sostenuto queste stesse strutture. Negli esempi citati, le persone schiavizzate non erano libere, le donne non erano forti e gli uomini liberi non erano mai adeguatamente capaci. 

Libertà, forza e intelligenza sono sempre state le tre potenti condizioni dignitose, simboleggiate dalla società come valori umani elevati e la cui falsificazione e sostituzione hanno sempre dato origine a false dignità.

La libertà di scegliere in accordo con gli impulsi naturali della nostra caratteristica struttura psicosomatica, di ciò che chiamiamo natura umana, dalla singolarità che è rappresentata da ogni persona, richiede la conoscenza della realtà che ci circonda. Non esiste una vera libertà di opzione, senza una precedente analisi del mondo esterno che può permetterci di meditare e misurare il rischio che le nostre azioni potrebbero rappresentare per il mantenimento della nostra identità e integrità, poiché uno dei primi dettami della nostra coscienza umana è continuare a esistere nel tempo e nello spazio con gioia.

Gli atti veramente umani non sono semplici pulsazioni o risposte di reazioni a stimoli indiscriminati dall’habitat in cui l’individuo si trova, proprio perché possediamo capacità discriminatorie o selettive, abilità di ordinazione e coscienza della nostra entità personale. Meno dati comparativi memorizziamo nei nostri ricordi, minore sarà la nostra conoscenza e più saremo vicini alle altre specie di animali, anche se privi della serie di risorse vitali conservate da questi. 

Gli atti essenzialmente umani sono sempre meditazioni e / o ministri che ci consentono di auto-valutare e valorizzare il mondo esterno nel contesto delle nostre stesse circostanze. Queste valutazioni, e non il semplice impatto di eventi esteriori, producono sentimenti che attivano la nostra Volontà in un modo o nell’altro. La capacità di valutazione è la razionalità, la funzione di ciò che chiamiamo ragione e i sentimenti che spingono puntualmente la nostra volontà costituiranno ciò che chiamiamo significato, coraggio, convinzione, determinazione e fortezza. Questo significato che ispira gli atti umani è spesso confuso con lo scopo o la finalità di tali atti. La nostra volontà è coraggiosamente determinata quando è mossa da sentimenti che non sono solo animali, ma specificamente umani.

Viene stabilita una relazione pendolare tra sentimento e ragione: una prima sensazione, prodotta a seguito della cattura di un fenomeno esterno, attraverso i sensi, mette a tempo debito la nostra capacità di valutazione e ministero mediante la più o meno rapida raccolta di il nostro archivio mentale di dati ed esperienze. Può darsi che tale prima esperienza possa stabilirsi nella tua mente, come sentimento, o essere eliminata. Se viene convertito in un sentimento stabile, determinerà la nostra Volontà, motivando i nostri atti e utilizzando il nostro codice razionale di dati per raggiungere l’obiettivo desiderato. Da lì in poi, sarà la ragione quella che guiderà le nostre vere azioni come uomini e donne; Tuttavia, l’uso improprio del “ragionamento” può portarci attraverso una catena di analisi, avanti e indietro,

L’apertura o la propensione permanente a favorire questa relazione pendente tra sentimento e ragione eleva uomini e donne al di sopra del resto delle specie animali e costituisce l’essenza dell’Iniziazione Umana. Richiede l’apprendistato o l’educazione che i pedagoghi di tutti i tempi hanno cercato di ottenere, seguendo regole e metodi diversi, ma non riuscendo a dare alla genesi dei sentimenti l’importanza che ha davvero e focalizzando, il più delle volte, nel puro valore intellettuale della ragione applicato allo sviluppo di astrazioni concettuali o intellettuali, senza capire che tale dovrebbe essere un secondo stadio dell’educazione umana.

Coloro che non conoscono, non possono o non vogliono sottoporre la loro volontà al processo di autoanalisi precedentemente descritto schematicamente, generalmente tendono a confondere le loro volizioni determinate da sentimenti ancorati nel loro significato e coraggio, e non sottoposti a una critica razionale con valori umani universali, o di categoria umana permanente applicabili a tutti e ovunque. 

Quella vicinanza, fratelli miei, si chiama fanatismo. Il fanatismo cammina di pari passo con l’ignoranza e molto frequentemente con l’avarizia personale, che si è unita come un malvagio triumvirato soggiogando l’umanità sotto lo scettro dell’intolleranza.

Il vero riconoscimento della dignità umana ha effetto riconoscendo la libertà di opzione, attraverso un’educazione che sottolinea l’importanza di valori che sono essenzialmente umani e che consente a ciascun individuo di realizzare tali valori in se stesso. Vale a dire, per considerare valori trascendenti, valori che non sono solo apprezzabili all’interno di uno schema culturale concreto, ma che vanno oltre le semplici contingenze materiali o temporali, poiché sono simmetrici con la Legge Universale riflessa nella natura umana e scolpita nella struttura stessa dell’umanità.

Questo è, in breve, il messaggio utopico dell’amore fraterno universale che dovrebbe ispirare ogni uomo libero nel suo percorso iniziatico.

Autore: Francesco Garruba (Drakonero)

Guarigione e canalizzazione per ritrovare benessere attraverso la spiritualità.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.