L’ego spirituale

L’ego ci dà un metodo per strutturare esperienze, sensazioni e idee creando una simulazione d’insieme. Mi spiego: Cos’è che sento? Ah, questa è sete. Quando la sento, dovrei bere. Cosa dovrei bere? Questo tipo di sete di solito significa che ho bisogno di bere acqua.
Proprio nella situazione di base della sete, sei stato sommerso da molte informazioni da rivedere e decisioni da prendere. Questo è il potere dell’ego che ci aiuta a dare un senso a questa esperienza dell’essere umani. È un filtro. Quando è usato in modo appropriato, può aiutarci a interpretare bene noi stessi e il nostro mondo. Ma in generale, l’ego non è usato bene. Prende inconsciamente tutte le decisioni e, la maggior parte delle persone, è così completamente persa nella propria identificazione con il proprio ego che ignora che, queste decisioni, hanno perso il potere di decidere liberamente.

Un risveglio spirituale fa  esplodere una piccola bomba all’interno del nostro ego e c’è la tendenza a pensare che abbiamo trasceso tutte le assurdità dell’ego a causa di questa esplosione. Ma questo non è vero. 

In genere, dopo aver eliminato un sacco di spazzatura dell’ego iniziale (il celebre lavoro sulla pietra grezza), iniziamo immediatamente a costruire un nuovo ego; perché non abbiamo realizzato la totale libertà spirituale. Il risveglio era solo all’inizio.

Con le radici e le questioni fondamentali dell’ego ancora per lo più intatte, l’ego ricresce e si consacra come persona spirituale. Molte persone giocano agli stessi giochi solo con una nuova confezione: invece di ottenere lavori ben pagati, auto lussuose, vestiti eleganti e partener sexy, l’ego spirituale desidera e ottiene esperienze di alto livello, connessione, anime gemelle, guru, idee spirituali che suonano come saggezza e molte altre cose per ricreare un nuovo senso di identità dentro di sé e all’interno della società.

Per sembrare poi, spirituali si cambia anche il linguaggio (come non ricordare il grande Carlo Verdone, nelle sue esiliranti interpretazioni Love Love Love, etc.). E’ un gioco molto comune dell’ego spirituale e c’è un ricco e ben nutrito vocabolario new-agey di tipo spirituale. Quindi l’ego ha molto da usare. 

Usata impropriamente, la terminologia spirituale è un vaso vuoto che non solo è privo di significato, ma oscura anche verità. 

Per assicurarti che il tuo linguaggio non sia un mezzo per giocare ai giochi dell’ego spirituale, assicurati di sapere effettivamente cosa intendi. E se gli altri non capiscono di cosa stai parlando, non cedere all’idea dell’ego che le altre persone non siano abbastanza avanzate, abbastanza spirituali o abbastanza coscienti da capire di cosa stai parlando. Questo è un altro gioco dell’ego. Anche se le altre persone potrebbero non comprendere appieno tutto ciò che dici perché la comunicazione è un’arte e non una scienza, è importante che tu realizzi veramente le cose che condividi. Se lo fai, è più facile da spiegare.

Fare domande sui tuoi desideri può illuminare i livelli più profondi dell’ego e devi entrare in questi livelli più profondi. Lasciar andare l’ego non è quasi mai un affare. È più come sbucciare una cipolla. Mentre ti allontani, ti fai strada verso le paure e i desideri umani più profondi e primordiali che abbiamo. Quando arrivi a quelli, come la paura di morire, e li rilasci veramente in tutti i tuoi livelli (sinteticamente fisico, animico astrale e mentale spirituale) è davvero difficile ricreare un ego inconscio. Tuttavia, questo lavoro interiore è difficile. Cercare esperienze spirituali divertenti è molto più facile. Così tante persone cercheranno conferme spirituali esterne, distintivi di merito spirituale, ritiri spirituali, cosiddette sostanze spirituali e altre esperienze più divertenti. Dall’altro canto alcune persone rimangono bloccate nel lavorare costantemente su se stesse. Questo è un altro gioco dell’ego. Le esperienze spirituali del “maniaco” del lavoro spirituale riguardano il lavorare all’infinito su se stessi, per ottenerlo o riaverlo indietro se pensano di aver avuto un’esperienza spirituale. Questo sé dell’ego si perde in un infinito miglioramento di sé. Nel complesso, il sé dell’ego spirituale è ancora egocentrico, in particolare subito dopo un risveglio e sicuramente dopo la maggior parte delle aperture spirituali. Non è focalizzato sul Sé, lo spazio della Divinità. È focalizzato sul piccolo sé umano ed è motivato da tutte le solite paure e desideri. In generale, le paure e i desideri dell’ego operano per svolgere quattro funzioni fondamentali:

1.    Portaci quello che vogliamo

2.    Mantieni quello che vogliamo

3.    Sbarazzarsi di ciò che non vogliamo

4.    Evita ciò che non vogliamo

Questi motivi egocentrici tendono a rendere le persone intrinsecamente egoiste e il percorso spirituale, dal mio punto di vista, è un passo importante nell’evoluzione umana per andare oltre l’egoismo.

Pochi guaritori e insegnanti spirituali aiutano gli altri dall’egoismo come mezzo per affermare un tipo di ego benefico. Questo ego vuole sapere che è utile o una brava persona. Quindi un direttore esecutivo di un’organizzazione no-profit potrebbe essere completamente egocentrico nei suoi obiettivi per aiutare le donne a basso reddito. Questo aiuta gli altri? Più probabilmente. Questa persona opera per chiarezza e per il suo bene supremo? Improbabile.

Uno degli aspetti per diventare più consapevoli e muoversi verso la libertà spirituale è la perdita di questa comprensione egocentrica. L’interconnessione e l’unione con tutta la vita si realizzano più profondamente. Quel processo di realizzazione elimina più problemi dell’ego e allarga una persona lontano dalla sua iniziale comprensione egocentrica di se stessi e della vita. 

L’universo smette di girare intorno all’individuo dal punto di vista dell’ego e questo può rendere le cose più stimolanti per gli elementi rimanenti dell’ego. C’è molto di più di te, eppure anche tu sei tutt’uno con tutto questo. Ma l’ego spirituale, come qualsiasi ego inconscio, generalmente non si fida di ciò che ho appena scritto. Dirà che in qualche modo non è sicuro e continuerà a manipolarti.

Con l’ego che non si dissolve tutto in una volta, ritorna in momenti diversi a seconda di quanto profondamente si è attaccati a un problema. Molte persone hanno esperienze felici e alcune di queste possono durare anni! Poi colpiscono un problema dell’ego che non possono rilasciare, e vengono trascinati nella sporcizia e nella sporcizia dei problemi dell’ego irrisolti. Per tornare a un’esperienza di beatitudine, l’ego proverà tutti i trucchi che può, che quasi mai includono l’accettazione e la resa a ciò che è.

Dovete capire che l’ego non vuole accettare tutta la vita così com’è. Non vuole accettare tutte le esperienze che puoi avere. Ci sono esperienze e sensazioni davvero abissali che possono sorgere per un essere umano. Chi vuole arrendersi alla sensazione di terrore?
Quasi nessuno. Quindi, perché è così facile per le persone scegliere di creare un ego spirituale nel tentativo di isolarsi da sentimenti come il terrore?

L’ego spirituale è una trappola e la fine del percorso spirituale verso la libertà. Ciò non significa che una persona non possa condurre una vita felice. È solo una vita all’interno di un certo insieme di confini. Possono essere meno confinanti e inconsapevoli di prima, ma fanno ancora parte della prigione. Ad esempio, pensa a chi si rende conto che i soldi non lo rende felicei. Conduce una vita più semplice, ma conserva ancora desideri di romanticismo, conferme sociali e molte altre forme di sicurezza emotiva. Certo, non è così perso nella ricerca della sicurezza finanziaria, ma è ancora in una trappola. Quella trappola ha però alcune regole. Quindi, questa persona sta facendo tante altre cose per ottenere ciò che vuole da quei desideri irrisolti. Ha un sacco di idee su come siano le conferme la convalida sociale e su come ottenerla. Ha un sacco di comportamenti riguardo a come può agire e come non può agire. In generale, ogni volta che pensi di dover essere in un certo modo, stai perdendo la verità. La purezza della libertà spirituale non richiede chi dovresti essere o come agire. All’inizio, è spaventoso essere così libero dall’ego perché potresti scoprire che non puoi dire cosa vorrai o chi sarai da un giorno all’altro. In molti modi il nostro ego ci controlla con quella paura dell’ignoto.

Eppure, riposando in quella spaziosità scopriamo che possiamo agire, e possiamo sentire e percepire il modo più veritiero di agire quando è necessario, così come sapere quando l’azione non è necessaria. 

Questo arriva solo lasciando andare ulteriormente l’ego spirituale, e mentre una persona può farlo in qualsiasi momento, di solito è più dolore e sofferenza che costringeranno le persone ad andare più in profondità di qualsiasi altra cosa.

Il lavoro interiore sull’ego è come sciogliere un nodo. Mettiamo energia in qualcosa che ha già ricevuto energia. Cancelliamo il disallineamento e poi il lavoro è fatto.
Senza lavoro, le persone rimangono nei loro schemi abituali dell’ego, la maggior parte dei quali sono ciechi. Anche i risvegli spirituali più forti lavano via solo una parte molto, molto piccola dell’ego, anche se tende a sentirsi come una parte enorme spazzata via. 

Dopo un po’, l’individuo risvegliato richiede più concentrazione e dedizione. La verità ha bisogno di spazio per crescere e ci sono un sacco di brutte radici, spine, spazzatura e rocce che richiedono la nostra attenzione. Questo può sembrare un processo senza fine, ma anche quello è di nuovo l’ego. Ti sta dando un motivo per smettere. Non sa come va il processo perché l’ego non è mai stato libero. È come un detenuto nato in prigione che ti dice perché non ti piace la libertà e che è troppo difficile da raggiungere. Quando emergono questi pensieri, indagali. Non sono i tuoi pensieri. Sono solo più parti del programma dell’ego.

Facendo questa indagine, si realizzeranno di più e diventa più difficile creare un nuovo ego spirituale perché stai spogliando le fondamenta da cui può essere costruito.

Alla fine, l’ego veramente cosciente comprende che l’ego è solo uno strumento. Capisce che l’ego è temporaneo e destinato a essere usato al servizio dello spirito.  Dopodiché, può essere ritirato e messo via, e non è un grosso problema farlo. Inoltre, ci sono elementi più profondi dentro di noi che possono pensare e agire sulla base di impulsi che non derivano dalla paura o dal desiderio, come lo sono i modi di agire dell’ego. 

@guarigionepranica

Siamo tutti paradossi viventi

La mente binaria e dualistica non può affrontare contraddizioni, paradossi o misteri, che sono tutti al centro delle confessioni filosofiche-religiose. Purtroppo, una grande percentuale di iniziati e credenti diventano pensatori rigidi perché la loro devozione insegna che per essere fedeli, obbedienti e saldi nel percorso spirituale o nella via di Dio, dovevano cercare un “ordine” ideale, invece di crescere nella loro capacità di Amore. Queste non sono persone cattive, semplicemente non hanno mai imparato molto sul vivere all’interno del paradosso e del mistero, come la vera natura della Tradizione o della fede.

I dizionari definiscono la “contraddizione” come due cose che non possono essere vere allo stesso tempo. Lo direi in questo modo: una contraddizione sono due cose che non possono essere vere allo stesso tempo, secondo il tuo attuale quadro logico. Finché non riformi la tua realtà, finché insisti sul tuo quadro di riferimento, non sarai in grado di trovare la saggezza nel paradosso. 

Ad esempio “Il regno di Dio” è il termine di Gesù per la cornice più grande, o ciò che spesso chiamiamo “il quadro generale”. Bisogna trovare una struttura che ti permetta di stare indietro e guardare il momento con gli occhi dell’Amore e della Misericordia. Allora vedrai che molte cose, che sembrano contraddittorie attraverso il pensiero logico, egocentrico e dualistico potrebbero non esserlo necessariamente, per una mente non duale.

Un paradosso è una contraddizione apparente che può, tuttavia, essere vera se vista in una cornice diversa dalla mente “razionale”. La parola deriva dal prefisso greco para che significa “al di là” o “fuori di” e dal verbo dokein che significa “apparire o pensare”. 

Un paradosso va oltre il normale modo di pensare. Le contraddizioni si basano sulla logica, un insieme di ipotesi o aspettative che diamo per scontate. 

La conversione, un cambiamento di mente, ti consente di mettere in discussione quei presupposti e aspettative. Se sei ancora eccessivamente attaccato al tuo ego, normalmente non puoi lasciar andare queste opinioni. Ci vuole vera trasformazione per permetterti di guardare te stesso da un po’ di distanza, con un po’ di calma, compassione, umiltà e onestà. 

In verità, siamo tutti paradossi viventi. Nessuna o nessuna cosa è totalmente buona o totalmente cattiva. Per esempio, San Paolo era un persecutore dei seguaci di Gesù, forse anche un assassino, tutto in nome dell’essere un buon fariseo. Improvvisamente, sulla via di Damasco, incontra Cristo, e il confine stretto tra bene e male, male e virtù, si dissolve. In quel momento le contraddizioni sono state superate in lui.

Siamo intrisi di contraddizioni… alcune dolorose, altre strane, altre ancora meravigliose, e tutte affascinanti… se a volte ci rendono tanto imprevedibili quanto incomprensibili, rivelano anche profondamente le diverse sfaccettature della nostra personalità.

Durante le conversazioni con i clienti, prima del trattamento,  è abbastanza comune che mi dicano: “sai, sono una persona molto complicata, sono piena di contraddizioni, non so se riuscirai a fare qualcosa con me”.

Haaa, le nostre belle contraddizioni! Quelli che ci rendono imperfetti, sorprendenti, unici, esseri umani, qualunque cosa. 

Tuttavia, non sempre viviamo bene queste apparenti incongruenze piccole e grandi perché a volte abbiamo difficoltà a cogliere le basi e a riconciliare tutti questi aspetti di noi stessi. Tuttavia, quando cominciamo ad osservarli con un po’ di benevolenza, ci permettono anche di individuare i meccanismi interni che ci governano e che seguono una logica tanto implacabile quanto spiegabile.

In primo luogo, ci sono le contraddizioni tra pensiero e azione. Questi divari a volte sotto forma di un buco tra ciò che stabiliamo come principi morali e che seguiamo… quando abbiamo il tempo. Il resto del tempo, li esigiamo soprattutto dagli altri. E, naturalmente, ci avvolgiamo nelle nostre giuste indignazioni quando i marmocchi maleducati non riescono a soddisfare le nostre richieste unilaterali. Accecandoci di passaggio sulle nostre stesse mancanze, così come sul fatto che le nostre  delusioni sono direttamente proporzionali alle nostre aspettative.

Queste contraddizioni sono di scarso beneficio e altrettanto cercano di minimizzarle selezionando le convinzioni che alimentano i nostri valori morali, in modo da mantenere i più importanti e far sì che vengano applicati a noi stessi prima di aspettarli dagli altri. Il vantaggio è che acquisiamo autostima e relazioni più sane e appaganti.

Poi ci sono tutte queste contraddizioni a volte incomprensibili tra ciò che la ragione ci detta da un orecchio e ciò che le nostre viscere ci urlano nell’altro. Oppure tra i valori della famiglia e i nostri. Divisi tra riflessione ragionata e sentimenti, non sappiamo più da che parte girare. 

E poi ci sono le più belle e interessanti delle nostre contraddizioni: questi scarti tra i vari aspetti della nostra personalità, i nostri gusti, i nostri valori, le nostre aspirazioni, molteplici sfaccettature di noi stessi e che disegnano un ritratto tanto più gustoso quanto unico. Queste contraddizioni sono come gli abitanti di uno stesso edificio, che hanno tutto l’interesse ad andare d’accordo e vivere insieme in buona intesa per evitare liti di vicinato.

Queste contraddizioni sono talvolta impercettibili dall’esterno. Puoi essere forte e vulnerabile allo stesso tempo, socievole e amare la solitudine , essere un fiore blu nella tua vita personale e intrattabile negli affari ecc…

A volte queste contraddizioni non ci piacciono, preferiremmo essere o l’una o l’altra. Quindi un professionista desideroso di successo può trovare difficile mostrare una tenerezza incompatibile con l’immagine che ha di uno squalo con i denti lunghi. Recentemente ho ricevuto una chiamata da un tecnico di vendita che era disoccupato da alcuni mesi dopo una carriera di successo. Oggi non riesce a “vendersi” perché mostra una sfaccettatura “troppo umano” (ovvero troppo attento alle esigenze dei clienti). Dice “deve riformulare” e “smetterla di mostrare questo volto umano” e, allo stesso tempo, “vorrebbe essere assunto” per quello che è”. Ecco chiaramente una persona che si è evoluta verso valori che oggi appaiono incompatibili con la sua professione. Può riformulare quanto vuole,mente a se stesso .

Una volta accettati e riconciliati, questi aspetti contraddittori di noi stessi che sono i nostri valori, i nostri bisogni, i nostri gusti sono una forza che ci permette di nutrire una serena e autentica certezza: “Io sono quello che sono”, contrapposto a “Sono come quello e chi non gli piace me lo scopo”. Questa facilità rafforza l’autostima e favorisce la realizzazione dei nostri progetti. L’autenticità di chi è d’accordo con tutte le sfaccettature di se stesso, anche se cerca di migliorarsi in certe aree, gli dà un’immagine di fiduciosa naturalezza che, inoltre, ciliegina sulla torta, corrisponde alla realtà.

Domiamo dunque le nostre contraddizioni, osserviamole, quello che dicono di noi stessi, dei nostri bisogni e dei nostri valori, e mettiamole al servizio della costruzione serena di noi, esseri magnifici, limitati, imperfetti, traballanti, ma anche affascinanti, capaci di grandi cose, insomma, stupende.

Alcune domande per domare le nostre stesse contraddizioni e capire il valore che ci danno:

Qual è il divario tra i principi morali che esigi dagli altri e quelli che esigi da te stesso? 

Cosa ti dice di te? Sul tuo sistema di credenze? 

Cosa sarebbe più giusto aspettarsi da te e dagli altri?

Quali sono le tue caratteristiche che trovi contraddittorie? 

Cosa ti dice di chi sei? 

Quali sono i loro vantaggi? 

In che modo ti rendono unico e affascinante? 

Quale posto dovrebbe essere dato a ciascuno per fare di te un insieme coerente, che ne accetti pienamente le contraddizioni?

Se  vuoi  costruire e mantenere una postura, uno stato d’animo e una relazione serena e dinamica allo stesso tempo, favorevole alla realizzazione delle tue aspirazioni professionali e non, pensa al  Pranic Healing e all’Arhatic Yoga.

Costruisci il tuo carattere, puoi!

@guarigionepranica