Perso sul sentiero spirituale

È una triste verità che molte persone che vanno alla ricerca di se stesse sul sentiero spirituale possono perdersi del tutto. Molte diverse tradizioni spirituali, religioni, filosofie e così via possono diventare tra le più intrappolanti perché molte non indirizzano le persone verso la libertà spirituale . Più spesso indirizzano le persone verso la felicità e la sicurezza, se sono migliori della maggior parte. In caso contrario, puntano a una sorta di conformismo e convinzione cieca. Peggio ancora, ci sono quelli che si sono corrotti e hanno perso la strada. Anche se certamente la maggioranza, i falsi maestri spirituali possono causare gran parte della stessa sofferenza che dovrebbero alleviare.

Le persone possono essere così prese da credenze, comandamenti, grafici dei segni astrologici, numerologia, vesti, esperienze mistiche, fenomeni psichici e altro da non riuscire a vedere la verità. Sono impantanati in un altro elaborato gioco dell’ego che si definisce “spirituale”.

In un modo o nell’altro, il tuo ego inconscio centrale con tutte le sue convinzioni e paure ha trovato un nuovo set di vestiti da indossare, quindi agisci semplicemente gli stessi tipi di schemi con la differenza minima di pensare che questi comportamenti sono ora “spirituali” in qualche modo.

Ma mentire è ancora mentire. Barare è ancora barare. Scappare dai momenti difficili è ancora scappare dai momenti difficili. E avere paura dell’ignoto è ancora avere paura dell’ignoto. Cercare di controllare il mondo per darti ciò che vuoi ed evitare ciò che non fai è lo stesso anche se usi parole spirituali per difendere questo tipo di controllo.

Il vero cammino spirituale è un volgersi verso l’interno. Dove ti sei perso è stato nel rivolgerti all’esterno per trovare conforti esterni ed esperienze spirituali per farti sentire bene, convalidarti, amarti, proteggerti o qualcos’altro di cui pensavi di aver bisogno. 

Siamo onesti: ci sono molte esperienze spirituali divertenti da fare. Vorrei che più persone li avessero. Non è un brutto hobby da avere e puoi avere molti ottimi collegamenti con gli altri. Ma per quanto sia divertente essere inondati da tutti questi incredibili momenti spirituali, sono transitori. Tutto nel mondo esterno è transitorio. È ora di entrare. È tempo di sedersi accanto al fuoco interiore della tua consapevolezza.

Una delle principali illusioni in gioco per molte persone che si perdono nel percorso spirituale è l’idea che il mondo esterno abbia qualunque cosa tu pensi di volere. Questa idea è stata costruita fin da bambini dove dovevamo fare affidamento sugli altri per tutto. Ovviamente il mondo esterno e gli insegnanti come me possono offrire informazioni e spunti. E ci sono certamente livelli profondi di connessione e supporto energetico che possono venire dall’esterno. Ma la tua libertà è dentro di te.

I veri maestri e il vero sentiero sono un continuo volgersi verso l’interno finché non ti radichi così profondamente nello spazio di presenza da abbandonare totalmente e completamente il tuo ego e tutti i suoi attaccamenti. 

Quando uno strumento spirituale, un insegnante o una tradizione aiuta in questa pratica di distacco, è utile. Quando ti indirizza verso il tentativo di aggrapparti alle esperienze o a credere ciecamente alle cose, ti stai perdendo.

So che possono sorgere molte esperienze intense quando entri, ma per quanto strano possa sembrare provenire da me, il percorso spirituale non è intrinsecamente intenso. Tende a diventare intenso perché abbiamo molte bollette non pagate all’interno. Trattare con i nostri “esattori” interiori fa schifo. Lo fa e basta. Se non abbiamo così tanto dolore e resistenza dentro, non è necessaria tanta intensità.

In generale, questa intensità tende ad essere un disfacimento di ciò che abbiamo creato dentro che non è in linea con la nostra verità. È necessaria molta pressione per riallineare la fascia nel corpo se è fuori allineamento. Quando la fascia e i muscoli sono allineati, il massaggiatore non deve picchiarti così forte.

Se c’è intensità nel tuo cambiamento, ti incoraggio ad abbracciarlo. Va bene. Fa solo parte del tuo processo. Ad ogni passo del cammino, permettiamo e accettiamo ciò che sta sorgendo. In quel sorgere, c’è la qualità organica e sconosciuta di come si muovono le nostre vite, che può essere abbastanza spaventosa per l’ego “spirituale”. Ma quando le cose si rilasciano e fluiscono in modo più naturale, quell’intensità si dissipa.

Tuttavia, parte dell’intensità inventata di ritiri di yoga, capanne di sudore, lavoro di respirazione hard-core, e altre cose possono diventare del tutto inutili. Ogni cosa ha il suo ruolo e il suo tempo, ma molte persone si lasciano prendere da questi momenti intensi pensando di fare più di quello che fanno. Generalmente non abbiamo bisogno di rendere le cose intense sul sentiero spirituale mentre ci rivolgiamo all’interno. Molta intensità nasce da sola. Ma a questo livello palese di intensità, molte persone si aggrappano a questo tipo di familiarità, e di solito si tratta di ottenere qualcosa.

Quindi continui a fare intense sessioni di yoga riscaldate per ottenere questa sensazione di endorfina che ti piace. Oppure continui a fare quelle meditazioni silenziose di una settimana per sentirti in pace, ma poi torni al resto della tua vita senza apportare alcun cambiamento interiore. La pace presto svanisce e torni al punto di partenza.

Un gioco popolare che piace all’ego spirituale è provare a sentirsi sempre bene. Intrinsecamente vuole evitare il dolore, quindi continua a cercare il modo più sicuro di vivere e il modo in cui si sente meglio. Pertanto, molte persone si perdono cercando di trovare esperienze sempre più piacevoli. Queste persone sono sempre alla ricerca dell’ultimo e più grande sapore spirituale del mese , e ogni cosa dura solo per un po’.

Quindi, inizialmente, un nuovo maestro spirituale è straordinario con cui lavorare. Pensi che abbia tutte le tue risposte e sappia tutte le cose giuste da dire. Poi l’illusione svanisce e forse inizia a sorgere l’incertezza di un lavoro più profondo. Per questo individuo, quella vulnerabilità incerta è spaventosa. Anche se sanno che il lavoro profondo può essere intenso, troveranno presto una scusa per sparire. Queste scuse possono includere:• ammalarsi, • decidere che l’insegnante/guaritore non è adatto a loro,• eccitarsi per qualche altro nuovo percorso o insegnante, • decidere che non sono ancora pronti, e così via. 

Quindi, il percorso spirituale per questo individuo è ancora molto superficiale. Le questioni fondamentali più profonde rimangono intatte e continuano a tirare le fila. È per questo che qualcuno può finire per rendersi conto di non essere andato da nessuna parte dopo decenni di esplorazione spirituale e sentirsi come se fosse solo un principiante. Tieni presente che alla fine siamo tutti principianti nel momento presente poiché il momento presente è sempre nuovo di zecca, ma in questo senso particolare, queste persone sono veramente dei principianti spirituali perché non si sono veramente rivolti all’interno.

Il rovescio della medaglia ci sono le persone che si dedicano eccessivamente a una religione e a un insieme di regole. Hanno rinunciato al loro intelletto per fare qualunque cosa l’insegnante, pastore, sacerdote, rabbino, guaritore, sensitivo, astrologo o qualcun altro gli dica di fare. Anche i tipi più intellettuali spesso possono ancora farlo, pensando di poter “pensare” la loro strada verso la realizzazione. 

Questi tipi studiano pesantemente qualunque testo spirituale a cui sono attratti. Saranno in grado di fare giri accademici intorno a ognuno di noi, ma queste idee non sono libertà. Più la persona aderisce a queste regole e rituali senza comprendere veramente lo scopo più profondo delle regole religiose e spirituali, più rimane bloccata e potenzialmente aggressiva e sprezzante nei confronti degli altri che non vivono secondo queste regole.

Si spera che un giorno si rendano conto che 30 anni di meditazione, fede o preghiera non li hanno portati da nessuna parte. Si spera che inizino a rendersi conto che non sanno veramente chi sono né perché stanno facendo quello che stanno facendo. L’ego ha tutti i tipi di distrazioni e scuse incredibili. Può dire le cose giuste, ma nel vero cammino spirituale, ciò che conta è come diciamo le cose. È lo spazio interiore che fa la differenza, e quello spazio interiore può trasformare una pratica spirituale.

Ad esempio, la meditazione che ha lo scopo di raggiungere l’illuminazione può spesso essere una continua delusione. La meditazione semplicemente per conoscere te stesso e permetterti di essere può aprire il mondo dentro di te. Le stesse due meditazioni possono comportare le stesse tecniche di respirazione silenziosa con gli occhi chiusi per 30 minuti, ma i risultati possono essere profondamente diversi.

Di solito, uno dei modi in cui le persone iniziano a sapere di essersi perse è che si accorgono che stanno girando in tondo. Dopo essere andati in India e essersi seduti con i guru, aver fatto la loro carta delle stelle, aver ascoltato i sensitivi, aver letto testi buddisti e cristiani, aver ascoltato la guarigione del suono su YouTube e così via, si sentono come se fossero tornati al punto di partenza. 

La loro vita romantica sta ancora facendo quello che fa sempre. Il lavoro è sempre sostanzialmente lo stesso. I problemi familiari continuano a turbarli.

Tuttavia, la consapevolezza più profonda può iniziare a fare capolino in questi momenti di sacro dubbio, il che significa essenzialmente che ti sei fermato abbastanza a lungo da prestare attenzione alla tua vita. Questo è diverso dalla maggior parte dei dubbi, che generalmente derivano dalla paura della mente. Se qualcuno si è veramente saziato di queste altre cose spirituali e ha iniziato a guardarsi dentro, allora stiamo arrivando a un vero cambiamento spirituale. Ma se la persona trova un’altra nuova ricerca spirituale o un insegnante a cui aggrapparsi, allora il ciclo continua.• La persona si entusiasmerà per l’ultimo percorso.• Le cose andranno bene.• L’eccitazione si spegne.• La persona continua a fare tutto ciò che fa di solito in base ai suoi problemi principali.

Tuttavia, quando una persona inizia davvero a rivolgersi verso l’interno, alcune cose interessanti possono iniziare a manifestarsi e le realizzazioni più profonde possono iniziare a emergere in superficie. Il perfetto maestro spirituale può ora apparire nelle loro vite.

Ironia della sorte, proprio quando una persona potrebbe ammalarsi del percorso spirituale, potrebbe finalmente essere pronta per questo. Potrebbero finalmente rinunciare alla ricerca esterna. Ora la ricerca interna può iniziare. Per coincidenza, questo può accadere quando appare il loro maestro spirituale. Naturalmente, questo maestro spirituale potrebbe benissimo non essere come gli altri. Tieni presente che ci sono molti tipi di insegnanti spirituali.Pertanto, sono disponibili in tutte le forme e dimensioni.

Potresti essere seduto alla fermata dell’autobus quando il tuo insegnante spirituale si siede in una felpa con cappuccio e pantaloni della tuta. Poiché potresti non aver mai incontrato un vero maestro spirituale come questo prima e sei abituato a vederli in abiti di qualche tipo, potresti licenziare questo individuo. Diamine, questa persona potrebbe essersi seduta accanto a te per molti giorni alla stessa fermata dell’autobus, ma non avevi la consapevolezza interiore che poteva percepire chi fosse questa persona. Oppure le tue idee su come dovrebbe essere un insegnante ti hanno impedito di vederlo/la. Ma in questo momento di apertura in cui sei stanco, perso e forse confuso sul tuo cammino, potresti improvvisamente fare o dire qualcosa al di fuori della tua normale abitudine dell’ego. Puoi fare una domanda. Forse non chiedi nemmeno direttamente a questa persona. Stai semplicemente chiedendo ad alta voce: “Cosa mi sto perdendo?” E l’insegnante seduto accanto a te può rispondere, o forse ti guarda con un sorriso negli occhi per vedere se stai davvero prestando attenzione. Se lo sei, hai appena fatto un passo nel tuo vero percorso spirituale.

Tuttavia, alcune persone si saranno non solo perse, ma abusate da un percorso spirituale abusivo o usate da un falso maestro spirituale. Questa roba succede. Prima che una persona possa progredire sul sentiero spirituale, deve tornare indietro e guarire attraverso i turbamenti, gli abusi o anche il trauma totale causato dal falso insegnante.

I falsi insegnanti e i falsi percorsi riguardano generalmente il controllo. Inoltre, l’attenzione è su di loro, non sulla libertà degli individui che dovrebbero servire. Tuttavia, alcuni sono bravi a fingere che fissandosi in qualche modo su di loro l’individuo otterrà la libertà; non succede.

Quindi c’è del lavoro che deve essere fatto per aiutare qualcuno a elaborare cosa è successo, come è successo e come la persona è stata coinvolta. In tal modo, la ricerca interiore è iniziata e la persona si sta perdendo nel cammino spirituale.

La bellezza della vita è che tutti gli aspetti della tua vita sono abbracciati. Quindi, non importa quanto tu fossi perso alla ricerca di Dio quando Dio era già proprio qui dentro di te, quelle esperienze passate e quegli strumenti spirituali possono essere riproposti. Se la meditazione consisteva solo nel cercare di ottenere l’illuminazione, ora puoi iniziare a usarla in modo appropriato. Un buon maestro spirituale o guaritore o anche un vero amico può aiutarti a riorientarti, rivolgendo la tua consapevolezza verso l’interno. Man mano che ti avvicini, potresti iniziare a capire i molti testi che hai letto in un modo nuovo. Potresti anche iniziare a vedere la superficialità di molti cosiddetti strumenti ed esperienze “spirituali”. Tutte le esperienze sono transitorie, motivo per cui non c’è mai uno stato spirituale di consapevolezza da raggiungere. La consapevolezza dell’amore e della beatitudine è la consapevolezza che accetta tutto così com’è. Se c’è paura, questo è pienamente accettato. Se c’è gioia, questa è pienamente accettata.

In questo percorso verso l’interno, molte vecchie ferite che hanno cercato di nascondere vengono rivelate. Molte paure che potresti aver pensato di aver “trasceso” possono riapparire con maggiore ferocia. In verità, scoprirai perché così poche persone si rivolgono al vero percorso spirituale, preferendo fare questa canzone e ballare in tutto il mondo con idee spirituali e viaggi psichedelici. Non è che viaggi e idee diverse non possano essere utili, ma il “come” è spesso corrotto. I cercatori spirituali perduti desiderano sentirsi in un certo modo o costruire un certo sistema di credenze e una realtà mentale che dia loro tutto ciò che vogliono e si sbarazzi delle cose che non vogliono. Ma la realtà lo è già. Non c’è niente da costruire. È tempo per la sacra distruzione, ed è tempo di andare verso l’interno. Questo è il viaggio che desideravi. Questo è il viaggio che è sempre stato qui. È tempo di smettere di perdersi e trovare la libertà di consapevolezza dentro di te nel qui e ora.

Autore: Francesco Garruba (Drakonero)

Guarigione e canalizzazione per ritrovare benessere attraverso la spiritualità.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.